Come guadagnare con Fiverr

Oggi sentiamo spesso di utenti che vivono grazie ad un’attività interamente online, e che riescono a mantenersi grazie alle immense potenzialità del web. Solo che stavolta non si tratta del solito marketer che mette gli annunci su Facebook e che vende corsi tutto fumo e niente arrosto: si parla di Fiverr, una piattaforma che consente a tutti di guadagnare qualcosa vendendo la qualsiasi sul web, il tutto a partire da una modica cifra di 5 dollari. Siccome in Italia sono pochi gli utenti che conoscono questo sito, è il caso di capire come funziona e di riflesso come guadagnare con Fiverr. Pronto per iniziare?

Cos’è Fiverr

Fiverr è semplicemente un marketplace, dunque una piattaforma online che funziona un po’ come un mercatino digitale. Al suo interno gli utenti iscritti possono vendere di tutto, ed è per questo che ti diciamo che chiunque può trovare la sua piccola fortuna su questo portale. Per farti qualche esempio concreto, su Fiverr trovi gli esperti di web design che realizzano siti Internet, gli sviluppatori che realizzano app per smartphone, i traduttori, i copywriter e via discorrendo.

Considera che non c’è davvero alcun limite su cosa puoi vendere o comprare su Fiverr: qui trovi praticamente di tutto, dalla sabbia proveniente dall’atollo più sperduto della terra, fino ad arrivare agli utenti che ti spediscono le cartoline dall’estero. Andando oltre queste cose molto particolari, a te deve interessare solamente questo: se hai una specialità, e se sei bravo in una professione digitale, Fiverr è un modo per sbarcare il lunario e per arrotondare lo stipendio. Poi, tempo permettendo, potresti anche trasformarlo in un canale per vivere facendo solo ciò che ti piace davvero. Inoltre, trattasi anche di un ottimo sistema per fare un po’ di esperienza, ad esempio se sei un web designer alle prime armi.

Come funziona Fiverr

Il funzionamento di Fiverr è piuttosto semplice da intuire: se hai qualcosa da vendere, ti basta iscriverti al sito e mettere in vetrina il prodotto o il servizio che offri. Le tariffe per i freelance su questo marketplace partono da una base di 5 euro per un GIG. Per GIG, invece, s’intende il servizio vero e proprio, dunque ciò che esponi in vetrina. Chiaramente sta a te decidere quanti euro chiedere per il GIG che offri: potresti ad esempio fornire un servizio di traduzione, e chiedere 5 dollari così come 20.

Qui è bene fare una premessa: il tariffario dipende da te, quindi dovrai essere bravo a saperti vendere bilanciando bene il tempo speso per fare quel servizio. Se per una traduzione di qualità impieghi due ore, non avrà alcun senso offrire il tuo GIG per 5 dollari, perché andrai ovviamente in perdita. Di contro, considera che il tuo annuncio può essere personalizzato in base alle tue esigenze: invece di vendere una semplice traduzione per 5 dollari, potresti vendere una traduzione di max 300 parole per quella cifra. In questo modo farai capire al cliente che il tariffario del tuo GIG sale in relazione al numero di parole.

Puoi anche mettere a disposizione del tuo cliente alcune prestazioni aggiuntive, come ad esempio la traduzione completata in giornata. Naturalmente questi servizi non verranno conteggiati nella tariffa base, ma saranno a parte e avranno un costo separato (GIG extra): se il tuo cliente li seleziona, tu semplicemente guadagnerai di più. Di conseguenza, quando proponi qualcosa, ricordati sempre di includere una lista con alcune prestazioni opzionali. Poi è normale che all’inizio dovrai faticare un po’ e lavorare sottocosto, il tutto perché dovrai catturare un giro di clienti e farti notare dagli acquirenti di Fiverr. Poi potrai alzare le tariffe e ottenere delle grandi soddisfazioni.

Personal branding e marketing su Fiverr

Il primo passo per comprendere come guadagnare con Fiverr è questo: capire esattamente cosa puoi offrire sul marketplace, e verificare che questo qualcosa abbia effettivamente un mercato. Se svolgi una professione digitale non dovresti avere alcun tipo di problema, anche se è probabile che non ti andrà di lavorare inizialmente sottocosto. Se invece non sei ancora un vero professionista, qui troverai tantissimo pane per i tuoi denti, così da poter fare esperienza e nel mentre mettere qualche dollaro in cascina. Chi non possiede competenze particolari, invece, deve farsi furbo e pensare da imprenditore: c’è qualcosa che potrei offrire e che gli altri ancora non offrono? Questa idea che ho avuto può servire ad un utente o è del tutto inutile? Se trovi una nicchia con una certa domanda, avrai trovato il tuo GIG perfetto.

D’altro canto, come sicuramente saprai già, non basta fornire un buon prodotto o servizio: per venderlo, infatti, dovrai prima farti conoscere. Se nessuno sa che esisti, e se nessuno nota il tuo GIG, le tue aspettative di guadagno andranno in fumo. È per questo che devi sempre curare con attenzione il tuo brand personale, e lo stesso dicasi per il marketing. Il modo migliore è compilare con attenzione il tuo profilo utente, e renderlo accattivante agli occhi dei potenziali clienti. Allo stesso tempo, devi anche curare la descrizione dei tuoi GIG: un po’ come faresti con una lettera di presentazione, da spedire via mail insieme al CV. In altre parole, dovrai differenziarti dagli altri competitor del tuo settore, e convincere gli utenti che tu puoi offrire un quid in più.

Qui le regole sono davvero le medesime della già citata lettera di presentazione: in poche righe devi spiegare la particolarità del tuo servizio, la tua esperienza, quello che puoi dare solo tu e via discorrendo. Non serve essere onesti al 100%: puoi anche scrivere delle cose che non stanno né in cielo né in terra, ma solamente se sai già che puoi mantenere ciò che stai promettendo. Inoltre la tua presentazione deve avere coerenza con ciò che vendi: se sei un traduttore, una presentazione scritta in inglese zoppicante farà fuggire i clienti a gambe levate. Idem se sei un copywriter: una presentazione noiosa e poco persuasiva, è una presentazione che non “converte” il cliente. Poi, se ti occupi di tutt’altro e non sai come scrivere la presentazione, ecco la proposta: investi 5 euro e compra questo servizio da chi lo vende su Fiverr!

Come guadagnare con Fiverr

Dopo tante parole, è giusto approcciare una guida pratica che possa consentirti di capire come fare soldi con Fiverr. Arrivati a questo punto, dunque, conviene procedere step by step.

1. Studia sul Seller Help Center

Il Seller Help Center è un pacchetto base di tutorial fornito dallo stesso portale: dunque noi ti consigliamo di spendere un po’ del tuo tempo e di investirlo nello studio delle sue guide. Purtroppo i tutorial di Fiverr sono interamente in inglese, però possiamo garantirti che sono tutt’altro che impossibili da leggere. In fondo dovrai farci l’abitudine, perché su Fiverr difficilmente troverai clienti italiani, quindi un po’ di inglese dovrai masticarlo per forza.

2. Compila il tuo profilo

Una volta che ti sarai iscritto su questo portale, prima di ogni altra cosa devi compilare il tuo profilo Fiverr. Considera che, iniziando adesso, passerà un po’ di tempo prima che tu possa trovare il primo cliente. Di conseguenza, ti conviene sfruttare questi momenti morti per impreziosire la descrizione del tuo profilo e dei GIG che offri al pubblico. Anche in questo caso, sul Seller Help Center trovi tantissimi suggerimenti utili per scrivere una o più descrizioni che possano convertire il potenziale cliente.

3. Cerca i primi clienti

Hai creato un profilo su Fiverr, hai personalizzato i tuoi GIG e – nonostante questo – non hai ancora preso un cliente. Poco male, perché puoi essere tu ad andare a caccia di acquirenti. Come puoi fare? Ti basta andare sul menù Selling, poi su Buyer Requests e verificare quali sono gli annunci aperti dai compratori. Se ne trovi uno interessato al servizio che offri, non esitare e presenta la tua candidatura. Naturalmente qui dovrai, come sempre, cercare di spingere l’utente a scegliere te e non gli altri: è l’arte del sapersi vendere, e anche questa va affinata con la pratica e con il tempo. Quando ti candidi, c’è un consiglio che ti conviene seguire: non offrire prezzi stracciati, ma mantieniti in linea con il mercato, perché sennò darai la sensazione di fornire un pessimo servizio.

4. Analizza i concorrenti

Il modo migliore per bruciare le tappe e per capire come guadagnare con Fiverr è questo: studia i tuoi concorrenti, e impara dai migliori. Puoi ad esempio vedere come hanno creato il profilo e come strutturano le descrizioni dei propri GIG, oppure puoi vedere quali foto hanno inserito. E non devi nemmeno essere timido: se ti viene voglia di chiedere un consiglio a qualcuno, fallo. Male che vada non ti risponderà, o potrà chiederti 5 dollari per il servizio di consulenza (un GIG come un altro). Se è davvero bravo, per soli 5 dollari potresti ottenere una risposta che vale oro.

Conclusioni

Prima di salutarci, devi capire che fare soldi con Fiverr non è facile: per i nuovi arrivati le cose sono più complicate, perché l’algoritmo del marketplace tende a calcolare il ranking premiando soprattutto i migliori. Ma non devi abbatterti: inizia, fai pratica, e vedrai che riuscirai anche tu.

ISCRIVITI SU FIVERR

Condividi questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *